Teriblà

Performance di teatro e arti circensi
DURATA: 45 minuti

LA STORIA
Bianco e Augusto devono portare in scena una performance di circo casalingo. Bianco è il regista e ideatore della rubrica; per evitare pericoli e imprevisti e proteggere il suo amico spericolato Augusto, decide di realizzare l’episodio in casa. Perennemente in lotta l’uno con l’altro, a causa dei loro ideali, i due navigano inconsapevolmente verso una conoscenza maggiore di se stessi: due individui molto diversi, con differenti visioni del mondo, con desideri, sogni e passioni uniche e personali.
Una storia di diversità, di amicizia e soprattutto di empatia, ciò di cui abbiamo bisogno per superare le nostre paure e scoprire nuovi mondi.

TEMATICHE
Lo spettacolo presenta la relazione tra due amici che hanno un obiettivo comune ma due approcci opposti alla vita: Bianco ha paura di tutto ciò che potrebbe capitare, Augusto non vede l’ora di poter sperimentare nuove emozioni.
Diverse sono le domande e gli stimoli di riflessione lanciati allo spettatore: Quale legame li tiene veramente uniti? Come possiamo affrontare le nostre paure? Qual è il confine tra offrire protezione e limitare la libertà di chi amiamo Cosa ci spinge a fare determinate scelte?
Il tema centrale che emerge è il concetto di libertà, che trasforma il presente in avventura mirabolante, riempie l’anima d’amore e il corpo di adrenalina, mentre la paura toglie la libertà. La paura ci blocca e ci intrappola, portandoci lontano da chi siamo e dalle possibilità di essere felici e di realizzare noi stessi.

NOTE SULLO SPETTACOLO
Lo spettacolo è adatto alla fascia d’età 4-10 anni.
Grazie alla poesia del linguaggio del corpo e alla sua potenza evocativa, anche i più piccoli sono portati a riflettere sul valore dell’incontro autentico con l’Altro. In un mondo sempre più centrato sulle tecnologie, in cui l’isolamento sociale è all’ordine del giorno, l’empatia è uno strumento prezioso per crescere insieme e riscoprire il benessere di vivere in Comunità. Questo spettacolo è uno spazio di riflessione e un invito, soprattutto ai bambini di oggi, a mettersi nei panni degli altri, instaurando relazioni positive e arricchenti.